Ultima modifica: 15 dicembre 2013
Home > La scuola > Storia della scuola

Storia della scuola

Nell’anno scolastico 2013/14, un progetto inerente la storia del territorio ha coinvolto tutti i plessi dell’Istituto Comprensivo n 3, circa 250 alunni e 20 docenti. Il tema della ricerca è stato questo: “La storia della nostra scuola”.

Il progetto si è realizzato attraverso uno studio accurato e una pluralità di percorsi che hanno trasformato gli alunni in veri e propri storici. Che cosa distingue, infatti, uno storico da uno studioso di qualsiasi altra disciplina? Lo storico ha in più una quarta dimensione, il tempo, che gli permette di vedere le cose non solo come si presentano, ma come sono diventate.

I nostri piccoli alunni hanno guardato il territorio con altri occhi, hanno ricostruito la storia della scuola di Via Lanciano, la prima scuola di Chieti Scalo, attingendo ad una pluralità di fonti, alcune ufficiali come i vecchi registri di classe o i documenti degli archivi del Comune e di Stato, altre come fonti orali, testimonianze, reperti materiali, foto, immagini, giornali d’epoca.

La ricerca, guidata dalle docenti e incoraggiata dalla dirigente che per prima aveva recuperato e riordinato vecchi registri di classe degli anni venti e trenta rinvenuti nell’archivio storico dell’Istituto, ha messo in luce l’immensa rete che collega gli avvenimenti nella vita concreta degli uomini e ha reso gli alunni consapevoli che nulla esiste in noi che non sia divenuto nel tempo.

La ricerca nell’archivio comunale colloca l’ultimazione della scuola di Via lanciano nel 1941 nonostante le delibere comunali risalissero ai primi anni venti; abbiamo trovato il progetto della scuola e verificato somiglianze e differenze con l’attuale edificio.

Le classi hanno percorso iter di ricerca diversi: dalla storia del diritto all’istruzione, secondo un profilo giuridico, alla trasformazione dell’impianto delle discipline, dal ruolo degli insegnanti alla vita reale degli alunni di quel tempo. Altre classi hanno analizzato cronologicamente gli avvenimenti sociali che hanno influenzato maggiormente la vita della scuola soffermandosi agli anni del fascismo, della guerra, del dopoguerra, alla prima industrializzazione dello Scalo, alla trasformazione dei costumi dopo il ’68.

Gli aspetti maggiormente coinvolgenti sono stati quelli inerenti le testimonianze di alunni, ormai ottantenni e più, che hanno frequentato la nostra scuola e che hanno fatto rivivere persone e situazioni attraverso i loro ricordi.

Il 21 febbraio 2013 tutto il materiale è stato raccolto in una mostra aperta al pubblico presso la Scuola media “Antonelli” del nostro Istituto. Nello stesso giorno abbiamo organizzato un convegno al quale sono intervenuti esperti della storia cittadina come il giornalista Mario D’Alessandro, la dott.ssa Miria Ciarma , direttrice dell’Archivio di Stato e il Prof. Carlo Petracca, già Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Abruzzo, l’assessore valla Pubblica Istruzione del Comune di Chieti Giuseppe Giampietro. Sono intervenuti anche dirigenti scolastici ed esponenti politici del Comune di Chieti.

La ricerca sarà raccontata in un libro che le docenti scriveranno durante il corrente anno affinché i risultati della ricerca e i preziosi materiali ritrovati non vadano perduti.

L’ins. Referente del progetto di ricerca
Maria Giancaterino

Leggi: La storia della scuola – Intervento del Dirigente scolastico

Leggi anche: Comunicato stampa 19 febbraio 2013

Il sito dell'Istituto Comprensivo 3 di Chieti utilizza cookie tecnici e di terze parti per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione mediante accesso ad altra area del sito o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link), l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookie sul suo dispositivo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi